Il muscolo scheletrico è costituito da unità funzionali, le “unità motorie” (UM), ciascuna composta da un motoneurone, il cui corpo cellulare è localizzato nel sistema nervoso centrale (SNC), dal suo assone e dalle fibre muscolari da questo innervate. Il motoneurone trasporta segnali di origine centrale (corteccia motoria) al muscolo. Questo segnale è poi trasmesso dal terminale nervoso alla fibrocellula muscolare, mediante una sinapsi chimica colinergica, la placca motrice.

Le variazioni di potenziale delle unità motorie di un muscolo costituiscono l’attività elettrica, che si manifesta quando questo passa da uno stato di rilassamento a una fase di contrazione. L’EMGs permette di registrare questa attività.

La valutazione dell’attività muscolare è fondamentale per fotografare lo stato di salute del paziente e per poter intervenire con percorsi terapeutici altamente personalizzati. Grazie all’elettromiografia di superficie è possibile effettuare l’analisi di movimenti specifici per ogni distretto corporeo, in modo da avere una valutazione globale che permette di formulare una vera e propria diagnosi “funzionale”, intesa come l’individuazione di eventuali disfunzioni di movimento, potenzialità residue e strategie di compenso.

Comments are closed.